Claudio Pelagallo Sel Lazio

(AGENPARL) – Roma, 29 ott – “E’ sempre più sconcertante quello che emerge dalle indagini sull’inquinamento della discarica di Borgo Montello LT. – dichiara in una nota Claudio Pelagallo responsabile Ambiente e Agricoltura di Sel Lazio- Dalla verifica documentale nonché dai riscontri di campo- effettuati dal Perito del tribunale di Latina nell’inchiesta del Giudice Guido Marcelli-  ‘è emerso che le opere di bonifica, segnatamente la cinturazione delle discariche, non sono stati ne correttamente realizzati, ne idoneamente collaudate, ne dotate di presidi funzionali al monitoraggio’. Emergono chiare le responsabilità dei gestori della discarica che non avrebbero provveduto alla impermeabilizzazione degli invasi. Il percolato sarebbe cosi penetrato nel sottosuolo andando ad inquinare le falde acquifere. Con un rischio potenziale sulla salute della popolazione dell’intera area di Borgo Montello e una ricaduta negativa sulle attività agricole di Borgo Montello e della pregiata Val D’oro con centinaia di ettari coltivati a a vigneti, kiwi e ortaggi. Per questo- conclude l’esponente regionale di Sel- al di la dei risvolti giudiziari della vicenda, occorre al più presto destinare i fondi dei ristori, ai residenti della zona che hanno visto tra l’altro crollare il valore degli immobili nonché agli agricoltori danneggiati nelle loro attività”.

Lascia un commento