Esprimiamo forti dubbi sui vari passaggi che nel tempo hanno permesso di trasformare un vecchio lascito fatto a scopi benefici in vera e propria speculazione edilizia– è quanto dichiara Claudio Pelagallo Vicepresidente Regionale dei Verdi nel preannunciare l’interrogazione che il Capogruppo Enrico Fontana presenterà alla Regione Lazio- “Sono stati ben 12 i passaggi effettuati in questi anni tra compravendite, cessioni a nuove società e autorizzazioni che hanno portato allo stravolgimento di quella che una volta era l’area dell’istituto classico San Francesco di Nettuno, che nel nuovo progetto ospiterà una residenza per anziani ed un centro commerciale su quello che una volta era il campo di calcio. Una speculazione a 360 gradi che danneggia la città e i cittadini, fatta in spregio ad una nobile donazione effettuata nel 1949. L’operazione immobiliare va ad inserirsi in un quartiere, quello di Santa Barbara, già gravato da molti problemi, densamente edificato e con una viabilità fortemente congestionata. Auspichiamo che lo spazio dell’ex san Francesco sia destinato a scopi sociali e a verde pubblico.  Sono anni- conlude Pelagallo– che i verdi chiedono un nuovo piano regolatore che vada a salvaguardare quelle aree ancora non ricoperte di cemento, non si può continuare a ragionare con gli indici di edificabiltà del PRG varato nel 1970, piano oramai superato e totalmente stravolto oltre chè dall’abusivismo, dalle decine di varianti che hanno portato alla degenerazione urbanistica di una città che oggi paga i danni di decenni di commistione tra politica e affari“.

Lascia un commento